“Ho dato un nome al flusso dei miei pensieri, si chiama Bla bla bla. Lo riconosco con facilità, lo saluto, e piano piano scema. Ho scoperto che non sono sola e questo mi ha aiutato moltissimo. A forza di sentire Carolina dire C’è quello che c’è, sto persino allentando la mia mania di controllo!”.