“Uno degli aspetti che ho apprezzato da subito è stata la grande attenzione posta anche nei dettagli delle diverse posizioni e nel proporre lavori su regioni corporee spesso trascurate, portando a un coinvolgimento fisico e mentale davvero globale”.