Quando senti che i pensieri sono troppi

Se dovessi raccontarti una delle prime scoperte che ho fatto praticando mindfulness, è che ci facciamo tutti un sacco di storie. Mi ci metto dentro anch’io, ovviamente, che sono umana tanto quanto te: ho un corpo vivo, un cuore che batte, e una mente che produce pensieri, immagini, e fantasie di ogni tipo.

Potresti pensare che ti sto parlando dell’acqua calda: Certo che ci facciamo un sacco di storie! Non riesco a dormirci la notte! E’ domenica e penso al mio capo! Sono pieno/a di preoccupazioni, pensieri tristi, ricordi che mi assalgono e mi dici che ci facciamo un sacco di storie!? Sai che notizia!

Potresti anche essere un po’ deluso: Ma come, mediti da più di dieci anni e ancora la tua mente produce film manco fossi a Cinecittà!?

Sulla delusione, forse è il caso che tu sappia che è impossibile smettere di avere pensieri, così come è impossibile impedire al cuore di battere, e se sei di quelli che da anni cercano di scacciarli, o di fare il vuoto mentale – qualsiasi cosa questo voglia dire per te- questa informazione potrebbe darti un po’ di sollievo. In fondo, se non trovi pace, non è perché sei senza speranza, ma perché hai frainteso le indicazioni un po’ come uno che sta seguendo una mappa sbagliata per andare in un posto. Non è colpa tua, devi solo aggiornare la mappa.

Sulla mia scoperta che ci facciamo tutti un sacco di storie, invece, un po’ hai ragione. Ricordo le volte in cui, da paziente in psicoterapia – ne ho fatte quattro- mi è stato detto di lasciare andare certi avvenimenti, e il senso di impotenza e smarrimento perché desideravo davvero che questo accadesse ma non avevo la più pallida idea di come riuscirci. In fondo, la consapevolezza di essere presi da mille pensieri da sola non ti cambia la vita.

Poi, ho iniziato a meditare. Meditare, in fondo, è questo: portare l’attenzione su un oggetto piuttosto neutro – è per questo che in molte tradizioni meditative si sceglie il respiro-, accorgerci che a un certo punto la mente ci ha portati altrove, e scegliere di tornare qui per ritrovarci altrove e ritornare qui e ritrovarci altrove e… ritornare qui.

E in questa attività dove apparentemente non accade nulla, iniziamo a fare delle scoperte pazzesche. Tra le quali, prepotente e luminosa, si accende a un certo punto la scoperta che il potere attrattivo che i pensieri hanno su di noi è più simile alla leggerezza dei sogni che al peso della condanna.  Iniziamo a vedere che i pensieri non serve scacciarli, sarebbe come litigare con noi stessi, ma possiamo lasciarli andare, e allenandoci a farlo nel tempo non solo smettono di opprimerci, ma iniziamo anche a volerci più bene.

Scopriamo che non siamo solo la parte di noi che pensa, con cui tendiamo tutti ad essere piuttosto identificati a scapito di un’esperienza più rilassata e vasta, ma che c’è in noi anche una parte silenziosa, che può accogliere senza controllare e in questa osservazione più morbida e distesa i pensieri da sassi diventano nuvole, e si sa, le nuvole cambiano continuamente.

Anche noi possiamo cambiare, se solo impariamo a fermarci e osservare.

Quando senti che i pensieri sono troppi, devi solo imparare a guardarli.

GUARDA I CORSI CON CAROLINA O PRENDI UN APPUNTAMENTO ONE TO ONE

Carolina Traverso

BIO PROFESSIONALE Carolina è la fondatrice di Semplicemente Mindfulness. Psicologa e psicoterapeuta, si è formata all'insegnamento della mindfulness con Jon...

Twitter