Gesti spontanei: pratica mindfulness con un medium body-scan

E’ un periodo in cui mi concedo gentilezza e spazio in abbondanza.

Forse è anche per questa ragione che ieri ho pensato che potevo cimentarmi, da casa, in una piccola registrazione di mindfulness. Armata di campana, voce e computer ho registrato un Medium Body-Scan.

Per chi di voi sa già di cosa sto parlando, ecco una traccia audio più breve dei 40 minuti che vi siete pazientemente dedicati durante il programma MBSR. Uno spazio di tempo più piccolo, ma non così piccolo da potere essere abitato da chi sente di avere i tempi stretti. Per questo davanti ci ho messo il Medium.

Per chi invece non lo sa, il Body-Scan è una delle pratiche proposte da  Jon Kabat-Zinn al Center for Mindfulness per iniziare a lasciare andare la nostra abitudine a stare un po’ troppo nella testa in favore della riscoperta del corpo e delle sensazioni che lo attraversano.

E’ una meditazione per coltivare la calma e la concentrazione, riprendere i sensi e vivere una vita più piena. Troverete anche un invito a coltivare la curiosità e la gentilezza verso noi stessi e tutto quello che c’è. E ad accogliere le emozioni senza affrettarci a cambiarle: in questa pratica non si tratta di correggere nulla perché la consapevolezza, se coltivata nel tempo, da sola trasforma e guarisce.

La registrazione è un po’ ruspante, grezza come un gesto spontaneo che viene dal cuore.

Buona pratica.

Carolina Traverso

BIO PROFESSIONALE Carolina è la fondatrice di Semplicemente Mindfulness. Psicologa e psicoterapeuta, si è formata all'insegnamento della mindfulness con Jon...

Twitter